Anche Bagnolo Soccorso avrà la sua sede nel centro operativo comunale

Tra “Bagnolo Soccorso” e l’Amministrazione Comunale locale è stata firmata la convenzione che completerà il Centro Operativo Comunale e renderà definitiva la struttura dell’immobile dell’ex CAG di via Nenni. “Bagnolo Soccorso”, infatti, utilizzerà metà dei seicento metri quadrati dell’edificio per realizzare la sua nuova, efficiente sede, che si affiancherà ad uno spazio, sempre di trecento metri quadrati, dove troveranno posto un’ampia sala polifunzionale (con settanta posti a sedere che sarà a disposizione per le iniziative e le manifestazioni del territorio), si trasferiranno i poliambulatori dell’ATS e verrà realizzata la nuova ed efficiente Centrale Operativa Comunale (COC).

La convenzione tra “Bagnolo Soccorso” e il Comune guidato dal sindaco Cristina Almici è stata approvata nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale del 2018 (che si è tenuto lo scorso venerdì 28 dicembre) e rappresenta il felice coronamento dei contatti portati avanti durante l’anno appena posto in archivio. Un risultato che costituisce un passo in avanti fondamentale verso la definitiva inaugurazione di una struttura che diventerà un punto di riferimento ed un fiore all’occhiello per tutta la comunità bagnolese. In questo senso l’Amministrazione Comunale di Bagnolo terminerà tutti i lavori per completare la metà di sua competenza entro la fine del mese di gennaio. Subito dopo, con l’inizio di febbraio, partirà l’intervento che, proprio grazie alla convenzione stipulata, verrà eseguito da “Bagnolo Soccorso” che sosterrà i costi dei lavori per rendere idonei i locali alle esigenze specifiche esigenze della sua attività. Un intervento che dovrebbe durare sino all’inizio di giugno, quando l’intero edificio potrà diventare operativo. In base a questa convenzione decennale “Bagnolo Soccorso” verserà al Comune un canone per l’utilizzo dei locali pari a 80.000 euro che saranno utilizzati proprio per i lavori di risistemazione e adeguamento della nuova sede. Per quel che riguarda gli obblighi assunti dall’Amministrazione Comunale bagnolese sono essenzialmente quelli legati alle spese di manutenzione straordinaria dell’edificio e di quella esterna, oltre alla concessione a “Bagnolo Soccorso” del parcheggio esterno e dell’uso gratuito della attigua sala polifunzionale.

La benemerita associazione guidata dal presidente Ermanno Maggioni, oltre ai già citati lavori di sistemazione dei locali per renderla idonea ai propri bisogni, avrà l’onere di collaborare con il Comune per esigenze di protezione civile e di partecipare a manifestazioni di interesse pubblico, oltre a farsi carico delle utenze. Il tutto all’interno di un importante progetto, che a questo punto sta prendendo una forma sempre più definita, che mira a mettere a disposizione della comunità bagnolese un servizio di pubblico soccorso attivo ventiquattro ore su ventiquattro. Dopo avere apposto le firme alla convenzione il sindaco Cristina Almici ha espresso la sua soddisfazione e sintetizzato i passi salienti dell’ambizioso disegno che sta per diventare una concreta realtà. “Il rapporto di collaborazione tra la nostra Amministrazione e le realtà che animano il territorio bagnolese ha compiuto un altro passo molto importante.

“Bagnolo Soccorso” è una associazione che svolge con passione ed impegno un ruolo molto importante all’interno della nostra comunità e dei suoi bisogni in un campo fondamentale come quello della salute. La nuova, efficiente sede permetterà a “Bagnolo Soccorso” di spiccare un prezioso salto di qualità e questo ci fa credere che l’auspicio di un servizio H24 possa un giorno diventare realtà. Siamo riusciti a proporre all’associazione guidata dal presidente Maggioni un canone agevolato e non di mercato che, se vogliamo dare qualche numero, può essere valutato in circa 666 euro al mese. Oltre tutto in questo momento gli 80.000 pattuiti che saranno versati da “Bagnolo Soccorso” verranno utilizzati dalla stessa associazione per risistemare e rendere la nuova sede adeguata all’utilizzo che lei stessa ne dovrà fare. Dopo che il Comune ha terminato i lavori per l’altra metà dell’immobile, ricevendo il necessario parere favorevole dell’ATS, adesso attendiamo la partenza dell’intervento che verrà effettuato a breve da “Bagnolo Soccorso”. Potremo così completare così un nuovo tassello che si inserisce in modo strategico in una zona che già comprende il palazzetto dello sport, individuato come centro di raccolta per le emergenze, un edificio antisismico come il nuovo Asilo di via Nenni e, appunto, il Centro Operativo Comunale. Il tutto per un disegno attento e mirato per far fronte al meglio alle emergenze (pur auspicando che non debbano mai coinvolgere la nostra comunità).

Un disegno – conclude il sindaco di Bagnolo – che ha preso il via quando siamo riusciti ad ottenere un contributo dalla Regione Lombardia di 150.000 euro per il rafforzamento dell’ex CAG. Da l’idea di rafforzare a quella di adeguare l’immobile e renderlo antisismico (oltre che un nuovo, valido punto di riferimento per tutta la comunità) il passo è stato breve. Certo, il nuovo progetto ha portato l’investimento del Comune a 700.000 euro, ma una volta che questo edificio sarà completato Bagnolo potrà dire di avere a disposizione un Centro Operativo Comunale all’avanguardia e di avere fatto un salto di qualità fondamentale verso la sicurezza e la tutela di tutta la nostra comunità in caso di emergenze”. Adesso non rimane che attendere la conclusione dei lavori di risistemazione della parte dell’edificio di via Nenni che è stata dedicata a “Bagnolo Soccorso” per alzare ufficialmente i veli su un’opera che per il futuro potrà rappresentare un prezioso fiore all’occhiello per i bagnolesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.