Il Gruppo Cogeme premia le migliori tesi di Laurea

Il concorso per tesi di laurea “Si può fare di più” da diversi anni offre la possibilità a studenti, provenienti da tutte le Università italiane, di poter mettere a “valore” le proprie “fatiche” e al contempo incentivare possibili collaborazioni nei settori di competenza del premio.  Una delle novità previste in queste ultime due edizioni è stata quella di tramutare il premio in denaro in tirocini lavorativi presso le aziende del gruppo consentendo da un lato una maggiore congruenza con lo spirito del premio stesso e dall’altro di arricchire l’esperienza aziendale nel comparto ricerca e innovazione. Un segnale molto positivo se correlato ai servizi erogati dal gruppo Cogeme (acqua, energia, ambiente) e confortato anche dai numeri importanti che dal 1996 ad oggi attestano livelli alti di partecipazione al Premio. Ecco alcuni dati significativi:

Anche per questa edizione tali premesse sono state mantenute come sottolineato nell’’introduzione e in chiusura dal Presidente di Fondazione Cogeme Onlus Gabriele ArchettiIl Premio di laurea Si può fare di più ci consente di fare il punto su quello che è il nostro impegno a favore di quegli studenti meritevoli che hanno voluto cimentarsi in tematiche di interesse scientifico con ricadute sulle comunità locali. I dati parlano di centinaia di tesi, e di un’eco dell’iniziativa andata ben oltre i confini regionali. Grazie alla collaborazione e supporto del Gruppo Cogeme e Acque Bresciane prosegue così l’attenzione di Fondazione Cogeme verso la ricerca e le sue declinazioni applicative. Tutto questo si evidenzia anche nelle numerose partnership attivate in questi anni di intenso lavoro sul territorio e nella volontà di guardare in futuro anche verso aspetti legati alla cultura”.

Caratteristiche condivise anche dagli interventi degli altri presenti, dal direttore generale Paolo Saurgnani al direttore tecnico di Acque Bresciane Mauro Olivieri, e non in ultimo dal Consigliere di Amministrazione di Acque bresciane Sergio Zanetti, sempre molto sensibile ai progetti culturali della società il quale ribadisce la “centralità della formazione scientifica strettamente collegata al patrimonio di competenze a disposizione di Acque Bresciane  ed  il valore assoluto dello studio e dell’impegno dei giovani studiosi, volto a ricercare soluzioni innovative utili al progresso culturale, economico e sociale dell’intera nostra Comunità”.

Dario Lazzaroni Presidente di Cogeme Spa, nell’esprimere soddisfazione circa la continuità del Premio, pone l’attenzione su come anche “questo tipo di iniziative qualifichino in maniera positiva il ruolo di Cogeme Spa e la rinnovata Cogeme nuove energie: questi progetti si inseriscono infatti in modo coerente nella visione delle nostre Aziende, che riconoscono nella formazione d’eccellenza e nell’innovazione tecnologica elementi fondamentali per una prospettiva di sviluppo industriale e di ampliamento delle opportunità da offrire al territorio”.

La premiazione – 1500€ ai progetti più innovativi ed interessanti giunti alla giuria. Particolarmente significativa la presenza della famiglia Falsina, a sottolineare il simbolico passaggio di testimone di valori che proseguono nel tempo, anche attraverso l’impegno degli studenti premiati. A questo proposito Costanza Gasparo, vincitrice delle due sezioni accorpate (cultura circolare e Carta della Terra intitolata a Vittorio Falsina) testimonia tramite un videomessaggio la sua soddisfazione per il riconoscimento: “Quello promosso da Fondazione Cogeme è un riconoscimento concreto al lavoro degli studenti, ed è un merito per le aziende promotrici e per la Fondazione averlo sostenuto

 

Vincitori Premi Tesi di Laurea edizione 2018

Sezione Energia
 Matteo Bilardo

Grugliasco

Politecnico di Torino

Ingegneria energetica e nucleare

Perfomance analayis and optimization of an integral collector storage rototype with PMC ”

 

Sezione Acqua  Giorgio Gallerani

Bolzano (Tn)

Università degli Studi di Trento

Ingegneria per l’ambiente e il territorio

“Rimozione di farmaci dai reflui: trattamenti biologici a basso consumo energetico ed impatto ambientale”

 

Sezione Economia circolare
 Marco Compagnoni

Cigognola (Pv)

Università degli studi di Pavia

Economia

Natural resources and economic growth. The circular economy contribution

 

 Sezione Cultura circolare  Carta della Terra  “Vittorio Falsina”

 

 

 Costanza Gasparo

Firenze

Università degli studi di Firenze

Scienze politiche

Dai piccoli paese alle grandi città: un’analisi qualitativa/etnografica del cammino di Santiago de Compostela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.