Scale dentro casa: sempre più un elemento d’arredo

Le scale, col passare del tempo, sono passate dall’essere un qualcosa di scomodo ed antiestetico a vero e proprio elemento d’arredo molto richiesto. Un esempio in tal senso possono essere le scale moderne come i modelli di Tendaflex che ben si armonizzano con ogni ambiente.

Grazie alle varie tipologie di scale ed ai diversi materiali da poter utilizzare per i vari elementi che la compongono, c’è semplicemente solo da scegliere rispetto alle nostre esigenze e gusti. Ad esempio le scale a rampa sono indicate nel caso in cui questa si debba sistemare a ridosso di una parete, magari per sfruttare un angolo. Le scale a chiocciola o elicoidali si raccomandano quando gli spazi sono ridotti e diventa necessario risparmiare l’ingombro, senza però rinunciare allo stile. A seconda della soluzione scelta, la scala può avere una propria struttura autonoma o può appoggiarsi ai muri perimetrali. A seconda dei modelli, i gradini possono essere a sbalzo, fissati direttamente alla parete o appoggiati direttamente sulla struttura della scala. Bisogna quindi fare attenzione alla stabilità della struttura, oltre che al design.

Le strutture portanti delle scale per interni possono essere realizzate in diversi materiali, in genere in legno o in metallo. Per i gradini invece si possono impiegare materiali diversi, dal classico legno, al moderno metallo al contemporaneo vetro. Stessa cosa vale per le ringhiere, che possono essere realizzare in vetro, acciaio, ghisa, legno semplice o decorato.

Se si vuole una scala che sembri sicura oltre ad esserlo, che si integri alla perfezione con la casa e che non necessiti di grandi pulizie, la decisione migliore è quella di optare per una scala in muratura, che si possa fondere con lo spazio circostante.

Se la prima necessità che si ha è quella di puntare sulla funzionalità e sull’utilizzo intelligente di ogni spazio, si può invece decidere di avere una “scala contenitore”, che nasconda un cassetto in ogni gradino e che possa quindi permettere di tenere in ordine oggetti che altrimenti sarebbero difficili da collocare.

Se, infine, non si riesce a fare a meno di una resa estetica ottimale, si può scegliere una scala “scenografica”: a chiocciola, a pioli, con colori fuori dal comune, con elementi decorativi particolari.

Fra i dettagli importanti cui prestare attenzione vi è l’illuminazione, che ha un peso rilevante nella decorazione della scala, oltre a renderla sicura. L’illuminazione andrà messa in relazione anche alla forma della scala, se questa si trova a ridosso di una parete, possiamo utilizzare delle applique a parete così da avere un’illuminazione uniforme, mediante installazione di faretti oppure con luci a led. Per quanto riguarda i gradini, possiamo regolarci in base a come è fatta la scala, se in legno, in muratura o in ferro battuto. Se è fatta in legno possiamo usare della vernice apposita per colorare i gradini nella parte superiore.

Anche la carta da parati può tornarci utile nel rivestire il frontale con fiori, decorazioni, incollando i pezzi ritagliati alla scala con colla vinilica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.